contatore visite<

Notizie - Morra De Sanctis

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie

5 Dicembre
Post della pagina Facebook Francesco de Sanctis (Morra Si Vota):

Riceviamo l'invito a divulgare e volentieri condividiamo questo video dedicato alla mostra di autografi e scritti desanctisiani curata dal prof. Iermano e allestita presso la Biblioteca Provinciale di Avellino fino al prossimo 31 dicembre.
http://www.ottopagine.it/av/cultura/105039/il-rivoluzionario-realista-che-voleva-cambiare-il-mezzogiorno.shtml
A S. ANGELO OMAGGIO AL DE SANCTIS ESULE:
Tra qualche ora, alle 17:30, presso il Museo dell'Emigrazione del Castello degli Imperiale di S. Angelo dei Lombardi, sarà inaugurata la mostra "Rondini di passaggio" a cura di B Amore, scrittrice-scultrice italo-statunitense.
Contestualmente, presso la stessa sede, si terrà un convegno che vedrà la presenza dell'artista in mostra e della saggista e musicologa Simona Frasca e gli interventi della prof.ssa Repole, sindaco di S. Angelo, di Natalino Fabrizio, sindaco di Lapio, di Maria Antonietta Belli, sindaco di Montefalcione, di Don Piero Fulchini, parroco di Sant’Angelo, di Luca Cipriano, presidente del Conservatorio Cimarosa di Avellino e di Davide Maraffino, imprenditore.
A seguire, alle 19.30, presso la Cattedrale, ci sarà il concerto del Coro di voci bianche del Teatro San Carlo di Napoli. 
Ad organizzare l'iniziativa il Comune di Sant'Angelo dei Lombardi, la Parrocchia di Sant'Antonino Martire col patrocinio tra i vari del Parco Letterario Francesco de Sanctis e del Gal Cilsi.

2 dicembre
Post dalla pagina Facebook di Mario Salzarulo:
Verso il bicentenario della nascita di Francesco De Sanctis. Si apre con un omaggio del Parco Letterario al De Sanctis esule l'esposizione museale sull'emigrazione, presso il Castello degli Imperiale a Sant'Angelo dei Lombardi.
Il giorno 4, alle ore 17,30 presentazione delle opere di B. Amore, scultrice e scrittrice italo-americana.
Foto 2, 3 e 4
 
Post della pagina Facebook Francesco de Sanctis (Morra Si Vota):
Docente di Letteratura Italiana presso l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, il prof. Toni Iermano è uno dei cultori più appassionati della rivisitazione del pensiero desanctisiano. Curatore di un'inedita Mostra di scritti ed autografi desanctisiani allestita alla Biblioteca Provinciale di Avellino ed aperta al pubblico fino al 31 dicembre nonchè membro del neo Comitato Nazionale per il bicentenario, il prof. Iermano è reduce da una lezione tenuta ieri all'Università di Pescara sul tema "Francesco de Sanctis: dalla rivoluzione alla costruzione della Nazione". Intervistato da "Il Quotidiano del Sud", il prof. Iermano ha dichiarato: <<Le celebrazioni per il bicentenario possono costituire l'occasione per ridiscutere il ruolo della cultura nel Mezzogiorno. Il ritorno di de Sanctis fra noi potrà esserci solo se eviteremo di fare quanto lui odiava: inutili, costose, solenni feste>>

BIANCO: <<Per il bicentenario non solo celebrazioni ma ricerche e approfondimenti per far rivivere la lezione del de Sanctis, ancora oggi attuale, riconoscendole quel ruolo ignorato in occasione dei festeggiamenti per i 150 anni dell'Unità d'Italia>>. Come ampiamente annunciato, nella mattinata di oggi Venerdì 2 Dicembre, a Roma, presso la Direzione Generale del Ministero dei Beni Culturali, si è insediato il Comitato Nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita di de Sanctis. Il Presidente è stato individuato nella persona dell' On. Prof. Gerardo Bianco, ex ministro, deputato, docente universitario di materie letterature, attualmente Presidente dell'ANMI (Associazione Nazionale Mezzogiorno d'Italia). Natio di Guardia ma morrese per parte di Madre, figlio della N.D. Maria De Paula, a "Il Quotidiano del Sud" l'On. Bianco ha rilasciato alcune dichiarazioni tramite cui ha rimarcato fortemente l'importanza della ricorrenza del bicentenario e l'attualità degli insegnamenti desanctisiani: <<Se firmassi oggi alcuni discorsi del de Sanctis col mio nome nessuno si accorgerebbe che sono stati scritti più di un secolo fa. L'Italia che lui racconta non è così diversa da quella attuale e i problemi su cui de Sanctis aveva posto l'accento, purtroppo, contraddistinguono ancora l'attuale scenario politico. Le iniziative legate al bicentenario della nascita non vogliono essere solamente celebrazioni ma anche l'occasione per portare avanti studi e ricerche e per approfondire il ruolo svolto da de Sanctis nella cultura. La speranza è quella di collaborare anche con altre associazioni impegnate nella promozione di eventi desanctisiani, a partire dal premio a lui intitolato, che si assegna ogni anno. Tavole rotonde e convegni sono in programma nelle più prestigiose università italiane mentre ieri il prof. Iermano ha raccontato de Sanctis all'Università di Pescara, dove il nostro illustre conterraneo tenne uno dei suoi discorsi più celebri. Altri confronti, inoltre, sono stati promossi nei mesi scorsi grazie alla rivista "Studi desanctisiani". Dunque, è già partita una rinnovata attenzione alla sua produzione che dovrà concretizzarsi nella pubblicazione di edizioni critiche della "Storia della letteratura italiana", dei "Saggi critici" e del "Saggio critico sul Petrarca" - l'unica realizzata sul piano filologico è quella di "Un viaggio elettorale" (2003) e dell'Epistolario, fino al 1869. Bisogna restituire al de Sanctis quel ruolo che gli è stato negato nelle celebrazioni per i 150 anni dell'Unita d'Italia. de Sanctis ha contribuito a formare la coscienza critica del paese. Basta leggere i suoi scritti per comprendere come de Sanctis avesse individuato mali che sono piaghe anche dell'Italia di oggi, la difesa di un'etica politica, la sua denuncia della corruzione, la critica alla personalizzazione della politica e alla degenerazione del ruolo dei partiti. Nelle sue pagine c’è anche una forte denuncia di ciò che aveva chiamato "ragionamento dissolutore", un cancro che si sviluppa ovunque ed è il segno della mancanza di uno spirito nazionale>>.
 
- BICENTENARIO - ECCO TUTTI GLI ILLUSTRI MEMBRI DEL COMITATO NAZIONALE: Oltre al Presidente On. Prof. Gerardo Bianco, al Vice-Presidente Dott. Pietro Gerardo Mariani, Sindaco della nostra Morra e al Segretario-Tesoriere Dott. Gerardo Capozza, del neo- Comitato nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita fanno parte il Prof.. Toni Iermano, cultore del de Sanctis e docente di Letteratura Italiana presso l'Universita' degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale; il Dr. Luigi Fiorentino, Dirigente Generale presso il Ministero dell'Istruzione e Vice-Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, originario della vicina Paternopoli; il Prof. Raul Mordenti, Docente di Critica Letteraria presso l'Università Tor Vergata di Roma; le prof.sse Clara Allasia e Laura Nay, docenti di Lettere presso l'Università degli Studi di Torino.


18 ottobre
Post della pagina Facebook di Mario Salsarulo:
- GIORNATA NAZIONALE DE "I PARCHI LETTERARI". IL 23 OTTOBRE IN ALTA IRPINIA CON DE SANCTIS.
Foto 5

- "Paesaggio culturale italiano". L'Alta Irpinia partecipa alla giornata nazionale de I Parchi Letterari con incontri, escursioni e visite guidate da Morra a Sant'Angelo, da Conza a Calitri. Giornata importante, in preparazione del bicentenario della nascita di Francesco De Sanctis. Oggi, l'immagine di copertina de I Parchi Letterari è desanctisiana. lt https://www.facebook.com/parchiletterari/

Entrata della casa natale di Francesco De Sanctis

 
Torna ai contenuti | Torna al menu